Storie familiari

                                                             IMOLA 1 MAGGIO 2017

                                                            ==================

 

VORREI RICORDARE QUESTA DATA PER UN FATTO PER ME MOLTO TRISTE, LO STUDIO MUSEO, TANTO VOLUTO DAL  PITTORE TONINO DAL RE, NON ESISTE PIU. DA OGGI E' DIVENTATA LA RESIDENZA DI MIO FRATELLO VANNI DAL RE. IN TOTALE DISACCORDO CON ME, LUI IN ACCORDO CON LE DUE SORELLE, HANNO DECISO CHE IO SONO IN MINORANZA E DEVO PER FORZA ACETTARE QUESTA DECISIONE. SIAMO IN 4 FRATELLI PROPRIETARI AL 25% CIASCUNO E IO MI TROVO ESCLUSO. NON LO SO SE LO POSSONO FARE, QUELLO CHE MI SCONVOLGE, IL FATTO CHE HANNO DISTRUTTO LE RADICI E LA STORIA DI UN VALIDO ARTISTA AMATO DA TANTISSIMA GENTE SIA COME PERSONA CHE COME ARTISTA. ERA CONSIDERATO UN LUOGO MAGICO . Nella vita si può passare alla storia sia come costruttori sia come distruttori.

 

 

r

COME ERAVAMO

Sembravamo una famiglia unita e felice. Conoscevo i difetti e le personalità di di ciascuno di loro. Tutti molto diversi tra noi. Ho sempre voluto molto bene ai miei fratelli ed ho accettato pregi e difetti. L'unica cosa che ci distingueva era il fatto che io ero molto attaccato a mio padre, loro a nostra madre. Tutte cose che comunque apparentemente, non avevano mai creato difficoltà. Arriviamo al Natale 2009 , come un fulmine a ciel sereno, mi sono trovato tutti contro di me in un modo veramente inspiegabile, compresa mia madre. Nostro padre, se pur lucidissimo, non era più in grado di gestire la situazione, molto debilitato e stanco della vita, non reagiva più. Morirà 5 mesi più tardi il 27 maggio 2010. La mia storia è sempre stata legata a mio padre in maniera simbiotica. Fin da bambino sono stato la sua memoria storica. Fin qui, è tutto ben documentato nel libro da me scritto e pubblicato il 27 maggio 2011, ( SULLE ORME DI MIO PADRE)  che però parla della nostra storia prima della discordia scatenatasi tra noi. Mi torna sempre alla mente quando mio padre, parlando della vecchia Jugoslavia mi diceva " Ricordati Franco, fino a quando ci sarà Tito andrà tutto bene, dopo succederà il finimondo". Questa cosa è successa in Jugoslavia ma è successa anche nella nostra famiglia, è venuto a mancare il lider carismatico. 

 

 

 

                        LO STUDIO ALL' EPOCA DI TONINO DAL RE

                        ===================================

 

 

 LUOGO DOVE DIPINGEVA

 

 

TONINO NEL SUO STUDIO CON AMICO MUSICISTA

 

 

 FESTA CON MUSICISTI

 

 

 

 

  FONTANE NEL PARCO

 

 

 ENTRATA ALLO STUDIO

 

 

TONINO AL CAVALLETTO

 

 

 COMPLEANNO TONINO

 

 

 

 TONINO AL SUO CAVALLETTO

 

 

 SERATE DI FESTA

 

 

 TONINO NEL SUO PARADISO

 

 

SERATE DI FESTA CON MUSICISTI

 

 SERATA DI FESTA CON MUSICISTI

 

 

 

TONIONO DAL RE AL CAVALLETTO

 

 

SERATE DI FESTA CON MUSICISTI 

 

 

  SERATE DI FESTA TONINO E FRANCO CON L'AMICO TAEQUINIO PROVINI 3 VOLTE CAMPIONE DEL MONDO DI MOTOCICLISMO

 

        =====================================================

 

STUDIO MUSEO DOPO LA MORTE DEL PITTORE TONINO DAL RE FINO AL 1 MAGGIO 2017

 

 

 

SALONE CENTRALE

 

 

ANGOLO TORCHIO PER STAMPARE LE INCISIONI

 

 

ENTRATA PRIMA STANZA

 

 

 ENTRATA SALONE PRINCIPALE

 

 

 ENTRATA SALONE PRINCIPALE

 

 

 PARTE ALTA DEL SALONE

 

 

 LUOGO DOVE DIPINGEVA

 

 

STANZA DOVE DIPINGEVA

 

 

STUFA A SEGATUTA CON ARGANO ELRTTRICO COSTRUITO

DA TONINO DAL RE PER CARICARLA

 

SALONE CENTRALE

 

 

 STANZA DOVE DORMIVA ADIACENTE ALLA STANZA DOVE DIPINGEVA

 

 

 STANZA DOVE DORMIVA ENTRATA

 

 

 LETTO DOVE DORMIVA E DOVE E' DECEDUTO LA NOTTE DEL 27 MAGGIO 2010 ALLE ORE 3

 

 

 STANZA DOVE DORMIVA ULTIMO DIPINTO DI TONINO DAL RE la poltona rossa TERMINATO 20 GIORNI PRIMA DELLA MORTE il suo saluto alla vita

 

 

L' INCOMPIUTO Il pittore Tonino Dal Re più volte si chiedeva quale sarebbe stato il suo dipinto incompiuto. Pensava che la morte lo avrebbe colto all'improvviso mentre dipingeva. Non è andata cosi.da mesi tonino era stanco di vivere, le sue condizioni fisiche lo avevano molto debilitato. Fece questo dipinto lasciandolo volutamente incompiuto. Non fu comunque l'ultimo. L'ultimo dipinto, LA POLTRONA ROSSA,fu il suo ultimo dipinto. Volle essere il suo saluto alla vita. La poltrona rossa era quella dove aveva fotografato tante sue modelle nel corso della vita. Nel dipinto lui si identifica nella poltrona rossa con viso gioioso come per dire, vi debbo lasciare ma mi sono goduto la vita. Terminato qiel dipinto mi fece mettere questo piccolo dipinto sul cavalletto, da quel giorno non toccò piu i pennelli, mori 20 giorni dopo. Più volte in tanti ci siamo chiesti cosa rappresentasse quel dipinto, quale significato poteva avere, non si capiva neppure l'incompiuto, apparentemente mancava solo la firma. Un giorno, dopo 5 anni dalla morte, osservandolo attentamente mi accorsi che aveva scelto questo modo per confessarsi. Era molto amico del vescovo di Imola Monsignor Tommaso Ghirelli. Nel dipinto vi è rappresentato un fraticello su un asinello il fraticello ha in una mano un fiasco di vino. Tonino si è identificato nel fraticello che incontra il Vescovo e si confessa. Noterete che il Vescovo da la benedizione e lui si fa il segno della croce, il fiasco di vino vuole indicare che nella vita, non è stato certo perfetto. Il 27 maggio 2015 come tutti gli anni in ricorrenza della sua morte, veniva celebrata una messa nel luogo sacro dove riposano le ceneri. Terminata la messa spiegai a Don Carlo il nostro sacerdote, grande amico di Tonino, il significato del dipinto. Rimase stupito. Rimaneva il discorso dell' incompiuto che non avevamo ancora risolto. Don Carlo rimase seduto di fronte al cavalletto, dopo circa mezzora mi chiamò e disse " Scusa Franco ma l'asinello ha solo 3 gambe" . Risolto il rebus dell'incompiuto. Che stranezza, abbiamo cercato di capirlo in tanti per tanto tempoe nessuno era arrivato a capirlo. 

 

 

 

 

ULTIMO DIPINTO DEL PITTORE TONINO DAL RE 20 GIORNI PRIMA DELLA SUA MORTE saluto alla vita - la poltrona rossa 

QUESTO DIPINTO MOLTO APPREZZATO DAL CRITICO VITTORIO SGARBI, E' STATO DA LUI INSERITO NEL SUO LIBRO - PORTO FRANCO -

 

INCOMPIUTO DEL PITTORE TONINO DAL RE notare che manca la quarta gamba dell'asinello oltre alla firma 

 

 SOPPALCO

 

 

ENTRATA MUSEO CON GLICINE FIORITO

 

 

 

 ENTRATA ESTERNA

 

 

 

 

 

 LUOGO SACRO RICONOSCIUTO DAL VESCOVADO DI IMOLA, DOVE DENTRO L'APPOSITA URNA, CREATA DAL FIGLIO FRANCO DAL RE SCULTORE E CERAMISTA, RIPOSANO LE CENERI DEL PITTORE TONINO DAL RE

 

LUOGO SACRO CON IL SACERDOTE AMICO DI TONINO DAL RE - DON CARLO -

 

  

 

 

 LUOGO SACRO CREATO DAL FIGLIO FRANCO DAL RE DOVE RIPOSANO LE CENERI DEL PITTORE TONINO DAL RE 

 

 

 

IL GUARDIANO DEL MUSEO 

 

 

IL PARCO DEL MUSEO 

 

                                                   __________________

 

 

Ho voluto creare questa pagina per lasciare un ricordo, se pur solo fotografico, di quello che è sempre stato un posto magico, frequentato da tantissima gente quando era lo studio del pittore Tonino Dal Re e da molta gente quando era lo studio museo dopo la sua morte. Avrei tanto voluto che fossimo rimasti una famiglia unita, nel portare avanti tutti assieme la storia di nostro padre ma purtroppo non  siamo tutti uguali , non tutti abbiamo gli stessi sentimenti e gli stessi interessi. Certamente il rammarico di aver dovuto cedere per forza, mi mette in condizione di non volere più riconoscerli come fratelli.

 

 

 

 

 

 

 

==================================================

 

VORREI RACCONTARE UN ANEDDOTO PER ME MOLTO SIGNIFICATIVO

          _____________________

Nell' anno 2004 il pittore Tonino Dal Re decise di scrivere le sue volonta per dopo la sua morte. Niente di particolare, a mè chiedeva di continuare a fare quello che avevo sempre fatto, occuparmi delle mostre e di tutto ciò che lo riguardava. Mi nominava sua memoria storica in grado anche di autenticare le sue opere. Chiedeva che lo studio rimanesse come era , un luogo dove continuare a fare feste e cose culturali. ALLEGO SCRITTO

 

 

PRIMA PAGINA

 

 

 

 SECONDA PAGINA

 

 

 TERZA PAGINA

 

 

 QUARTA PAGINA

 

Il giorno sucessivo feci 4 fotocopie e ne consegnai una a ciascuno dei  fratelli e una a mia madre. Apparentemente non ci furono problemi. Quattro giorni dopo il funerale di mio padre, mi venne comunicato che mio padre aveva fatto un altro scritto, in data 2 gennaio 2010. In questo scritto diceva solo che annullava il precedente scritto senza proporre nulla di nuovo. La mia sensazione, ripeto la mia sensazione è che sia stato indotto a questo, anche se non ne ho mai capito il motivo. Qualche giorno prima per la prima volta si erano tutti messi contro di mè, compreso mia madre. Tonino se pur lucidissimo, era in condizioni fisiche estremamente precarie, stanco e avvilito. Necessitava di essere accudito in tutto per tutto e non aveva più voglia di vivere. A mio parere incapace di reagire, potrebbe essere stato facilmente manipolato. Si dice, è stata una decisione sua, noi lo abbiamo saputo solo dopo morto. Non capisco allora come lo abbiano trovato. Un altro particolare non mi convince, sul secondo scritto è riportata la data del precedente scritto, Tonino non aveva rimasto una copia, dopo 6 anni, in quelle condizioni, come faceva a ricordarsela ? La mia sensazione è che sia tutto molto strano. Qualcuno poi ha affermato più volte che Tonino non ne poteva più di mè, non era contento di quello che facevo ecc ecc . Mi sembra molto strano visto che intervistato in TV nel 2009 , ultima intervista fatta, mi ringrazia pubblicamente per tutto quello che faccio per lui. Il video è visibile dal sito e da yitube. ALLEGO ULTIMO SCRITTO

 

 

 

Non mi sò dare una spiegazione, uno scritto che lascia stupiti. Un artista come lui che non lascia nessuna sua volotà,  non nomina un suo esperto storico, annulla uno scritto precedente che era estremamente coerente e non favoriva nessuno a livello economico.

                                                    ______________________

 

TONINO DAL RE , pittore narratore,  si è sempre espresso tramite le le sue opere, dipingendo i suoi   sentimenti, le sue preoccupazioni i suoi timori. Dopo la sua morte mi è stato detto di tutto. Tonino non mi sopportava ecc ecc . Vorrei a questo proposito pubblicare alcuni dipinti di Tonino che potrebbero essere significativi a questo proposito

 

   

RITRATTO DEL FIGLIO FRANCO A 6 ANNI  costume di carnevale dipinto a mano da Tonino con il quale vinsi il premio come miglior costume al carnevale di Imola 1954

 

 

 

RITRATTO DI FRANCO DAL RE A 17 ANNI

 

 

RITRATTO DI FRANCO DAL RE A 50 ANNI

 

 

 

DIPINTO CON FRANCO DAL RE

 

 

 

DIPINTO CON FRANCO DAL RE

 

 

 DIPINTO CON FRANCO DAL RE

 

 

DIPINTO CON FRANCO DAL RE

 

 

 DIPINTO CON FRANCO DAL RE

 

 

 DIPINTO CON FRANCO DAL RE

 

 

 DIPINTO CON FRANCO DAL RE

 

 

 AFFRESCO MURARIO ORATORIO DEI CONTI MALVASIA A SASSO MARCONI due raffigurazioni di Franco Dal Re che sorregge la volta dell'oratorio

 

MI RIESCE DIFFICILE CREDERE A TUTTO CIO CHE MI E' STATO DETTO DOPO LA MORTE DI MIO PADRE.

 

                                              =============================